Chi sono

Chi sono
Alberto Petrò Photographer

Si appassiona alla fotografia proprio quando il digitale subentra all’analogico. Grazie ad un amico collezionista si ritrova tra le mani un tesoro di inestimabile valore: i primi 150 anni di storia della fotografia, dagli emozionanti tentativi degli esordi agli ultimi baluardi della nostra epoca. Migliaia di immagini straordinarie, che può persino toccare, lo travolgono accompagnandone il suo percorso culturale e le sue curiosità tecniche. Sviluppa così una sensibilità artistica che lo porta ad esporre in diverse gallerie in Italia e all’estero, fino a quando lo scontro con il digitale si rivela ineluttabile. Diventa lentamente professionista, mantenendosi costantemente in bilico tra il mondo reale – quello del commercio e delle partite iva – e un mondo più reale, quello anacronistico di apparecchi fotografici a soffietto in via d’estinzione e pellicole scadute. Passa le giornate in una sorta di limbo alternando momenti di bricolage a tentativi di catarsi e visioni ancestrali, mantenendo sempre un occhio di riguardo per la bellezza e l’altro puntato attraverso l’oculare della fotocamera pronto a catturarla.

 

Alberto Petrò nasce nel 1980. Si avvicina alla fotografia a diciott’anni, lavorando come assistente presso alcuni fotografi e archiviatore presso una collezione privata. Dopo varie esperienze e un periodo all’estero, tra cui una residenza d’artista presso il Tacheles Arthouse di Berlino ritorna in Italia. Ha esposto in varie gallerie d’arte nazionali ed estere, in mostre personali e collettive. Nel 2011 apre il suo studio a Brescia presso il quale si occupa di fotografia, grafica ed organizzazione di eventi culturali.